Questo sito utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci (Google AdSense), fornire le funzioni dei social media (condivisione degli articoli) e analizzare il traffico (Google Analytics). Inoltre fornisce informazioni sul modo in cui utilizzi il sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media miei partner (Google). Il proseguimento nella navigazione implica un tacito assenso all'utilizzo dei cookies. Se non sei d'accordo sull'utilizzo, ti invito ad allontanarti da questo sito. Visualizza i dettagli.

Venerdì 9 Dicembre 2016

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

A volte può capitare che il file delle cartelle personali di outlook raggiunga dimensioni eccessive.

Outlook non funziona più e l'utilità di ripristino dei files delle cartelle personali di outlook non è sufficiente a recuperare le informazioni.

La Microsoft con molta spensieratezza ha impostato i limiti della dimensione dei file delle cartelle personali di Outlook a 2 (due ) GB. Outlook non avvisa quando le dimensioni di tali files si avvicinano al limite, ne tanto meno, avvisa quando il limite lo si è superato. 

Semplicemente ci si ritrova ad avere Outlook semi bloccato, ad avere errori nella ricezione della posta e, una volta lanciata l'utilità per il recupero dei file delle cartelle personali, dopo l'intera analisi, al momento di applicare le correzioni, un altro messaggio di errore ci avviserà che non è stato possibile correggere il file.

 

Sempre Microsoft con molta naturalezza mette a disposizione la soluzione, che per me è allienante nella sua orrenda semplicità...

 

"il file è troppo grande? Troncalo!"

 

Certo, non parliamo mica di elevate sofisticazioni che consento di suddividere il file pst in più tronconi di dimensioni inferiori, parliamo proprio di sacrificare ad un folle dio dell'informatica assetato di bit, una parte delle nostre email. E proprio come in un obolo, ci viene chiesto a quanto megabyte ammonterà la porzione di file che vogliamo sacrificare.

 

Ma vediamo di capir meglio di cosa si tratta....

 

Dal sito microsoft leggo :

 

Sintomi
Quando si avvia Microsoft Outlook o si tenta di aprire un file delle cartelle personali (pst) oppure un file delle cartelle fuori rete (ost), è possibile che venga visualizzato il seguente messaggio di errore:
Errori nel file <percorso_file>. Chiudere tutte le applicazioni abilitate alla posta elettronica ed eseguire l'Utilità di ripristino Posta in arrivo.

dove <percorso_file> è il percorso del file pst.

Se si esegue l'Utilità di ripristino Posta in arrivo (Scanpst.exe), il problema non viene risolto.

Cause
Questo problema si verifica perché per i file pst e ost esiste una limitazione delle dimensioni di 2 gigabyte (GB) e il messaggio di errore viene visualizzato quando tale limitazione viene superata. Non è possibile correggere questo problema con l'Utilità di ripristino Posta in arrivo.
?

 

Uhmmmm, magari fosse una pagina Wiki, cambierei le cause in

 

Questo problema si verifica perché Microsoft ha deciso di mettere un limite per i file pst e ost a 2 gigabyte (GB) continuando ad inserire le mail in file piuttosto che utilizzare il suo stesso motore dB distribuito GRATUITAMENTE su internet.

 

Però è inutile far polemica, il danno ormai è fatto. Cerchiamo almeno di porvi rimedio limitando al massimo i danni subiti.

 

Per prima cosa occorre scaricare l'utility per il troncamento dei file pst ed ost dai donwloads o dal sito microsoft.

Una volta salvato ed estrapolato il contenuto del file, dovremmo ottenere trai vari file, anche il file Pst2gb.exe

 

Lanciamolo.

 

 

9698ccea7bccb0e528d145b75a5f07b3.jpg
Fig. 1 - il tool per il troncamento dei file pst Come ben visibile in figura 1 il file è agghiacciantemente semplice. Cliccando su Browse andiamo a selezionare il file delle cartelle personali. Normalmente tale file è locato in
"C:\Documents and Settings\%NomeUtente%\Impostazioni locali\Dati applicazioni\Microsoft\Outlook\".

 

Una volta selezionato il file eccedente dobbiamo specificare il file che conterrà la versione mutilata delle cartelle personali. Clicchiamo su Create per selezionare o creare un file.

 

Fatto questo impostiamo l'ammontare della questua. Tale numero è espresso in Mb e rappresenta l'ammontare dei dati che verranno troncati dalla fine del file pst.

 

Clicchiamo su start per eseguire la menomazione del file.

 

 

17843218e27ab5ea73c47342e162bf01.jpg

Fig. 2 - il tool di manuitenzione pst

Al termine occorre dare in parto all'utility della manutenzione delle artelle di posta il file pst appena generato.

 

N.B. Non è detto che l'utility di troncamento riesca a restituire un file utilizzabile, potrebbe non essere sufficiente l'ammontare del troncamento. Se così fosse occorre ripetere la procedura di mutilazione del file pst variando l'impostazione dei dati da sottrarre al file originario.

 

Vi suggerisco di fare qualche prova, iniziate troncando 15 mega, se così non dovesse funzionare passate a 25 e poi a 35 nella speranza di non dover aumentare ancora.

 

Una volta caricati poi questi dati dentro outlook non aspettate di risuperare il punto di non ritorno, ma lasciate ad outlook la possibilità di comprimere il file pst, o esportate tutti i messaggi per poterli poi reimportare in un software di posta migliore!

 

Per approfondimenti ed informazioni si faccia riferimento all'articolo Strumento di troncamento per i file PST e OST con dimensioni eccedenti i limiti