Questo sito utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci (Google AdSense), fornire le funzioni dei social media (condivisione degli articoli) e analizzare il traffico (Google Analytics). Inoltre fornisce informazioni sul modo in cui utilizzi il sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media miei partner (Google). Il proseguimento nella navigazione implica un tacito assenso all'utilizzo dei cookies. Se non sei d'accordo sull'utilizzo, ti invito ad allontanarti da questo sito. Visualizza i dettagli.

Sabato 3 Dicembre 2016

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Quando si conservano i dati di Microsoft Outlook® sul computer, in realtà si utilizza un file delle cartelle personali (pst) o un file delle cartelle fuori rete (ost). Per prevenire la perdita di dati, è necessario conoscere le modalità di ripristino di questo tipo di file.

 

Microsoft mette a disposizione degli utenti Outlook due potenti tool per la manutenzione della cassetta postale.

Per il file pst danneggiato, Microsoft Outlook include uno strumento che spesso può risolvere il problema senza dover ricorrere a una copia di backup. Si tratta dell'Utilità di ripristino Posta in arrivo, che viene installata sul disco rigido all'installazione di Outlook.

 

Per il file ost danneggiato, Microsoft Outlook include uno strumento che spesso può risolvere il problema. Si tratta del Controllo di integrità OST, che è in grado di analizzare e ripristinare i file ost. Se l'impiego di tale strumento non dovesse risolvere completamente il problema, si potrà disattivare il file ost e crearne uno nuovo.
I due tool in questione, SCANOS e SCANPST, sono inclusi nel cd di installazione di office e vengono installati nella cartella "C:\Programmi\File comuni\System\MSMAPI\1040"

Nota Il percorso del file specificato nel messaggio può variare in base al sistema operativo installato sul computer.

<p">Qualora non dovessero essere locati nel path basterà fare una semplice ricerca.

Ripristino di un file delle cartelle personali (pst)

<p">Potrebbe essere necessario utilizzare l'Utilità di ripristino Posta in arrivo se, all'apertura del file pst di Outlook, venisse visualizzato questo messaggio:

Impossibile espandere la cartella. Impossibile aprire il gruppo di cartelle. Errori nel file unità:\Documenti e Impostazioni\utente\Impostazioni locali\Dati applicazioni\Microsoft\Outlook\Outlook.pst. Chiudere tutte le applicazioni abilitate alla posta elettronica ed eseguire l'Utilità di ripristino Posta in arrivo.

  • Scegliere Esegui dal menu di avvio.
  • Nella casella Apridigitare
    unità:\Programmi\File comuni\System\Mapi\IDlocale\scanpst.exe

 

in cui IDlocale rappresenta l'identificatore locale (LCID) dell'installazione corrente di Microsoft Office. Ad esempio, l'identificatore locale (LCID) per la lingua italiana è 1040. Per l'elenco completo degli LCID, consultare la Guida in linea di Microsoft Office.

  • Scegliere OK.
  • Nella casella Nome del file da controllare digitare il percorso e il nome del file specificato nel messaggio di errore.
    Nota Il pulsante Sfoglia potrebbe non essere disponibile nel caso il file si trovi in una cartella nascosta.
  • Per modificare le opzioni di registrazione degli errori nel corso dell'analisi, fare clic su Opzioni. Se si sceglie Sostituisci registro o Aggiungi al registro, il file registro viene salvato nella stessa cartella del file pst.
  • Fare clic sul pulsante Inizia.
  • Quando l'analisi del file è completata, selezionare la casella di controllo Crea backup del file prima di correggere gli errori.
  • Fare clic su Correggi.

Se il ripristino del file ha avuto successo, viene visualizzato il messaggio Manutenzione completata. Se invece l'Utilità di ripristino Posta in arrivo non è in grado di eseguire il ripristino, sarà necessario ricorrere a una copia di backup del file.

Per fare ciò bisognerà

  • Avviare Outlook.
  • Scegliere Gestione file di dati dal menu File.
  • Selezionare il file pst danneggiato e fare clic sul pulsante Rimuovi.
  • Fare clic sul pulsante Aggiungi, selezionare File delle cartelle personali (pst) e scegliere OK, quindi selezionare il file pst che si desidera utilizzare come nuovo file principale.
  • Scegliere OK.

Importante Per la prevenzione della perdita di dati e l'efficacia delle operazioni di recupero dei file danneggiati, è consigliabile non affidarsi esclusivamente all'Utilità di ripristino Posta in arrivo, ma impostare un sistema di backup regolari del file pst. Vi sono varie soluzioni per l'esecuzione del backup di tale file, come la copia in un'altra posizione, il backup completo dei file del computer o l'utilizzo dello strumento Backup cartelle personali.

Ripristino di un file delle cartelle fuori rete (ost)

L'analisi e il ripristino del file ost possono rendersi necessari:

  • Quando si incontra un numero elevato di elementi problematici.
  • Quando non è possibile aprire alcuni elementi di Outlook in modalità fuori rete.
  • Quando vengono visualizzati messaggi di errori imprevisti di sincronizzazione (nel file registro sincronizzazioni contenuto nella cartella Posta eliminata).
  • Quando viene visualizzato il messaggio: Impossibile espandere la cartella. Impossibile aprire il gruppo di cartelle. Errori nel file unità:\Documenti e Impostazioni\utente\Impostazioni locali\Dati applicazioni\Microsoft\Outlook\Outlook.ost. Chiudere tutte le applicazioni abilitate alla posta elettronica ed eseguire l'Utilità di ripristino Posta in arrivo.
    Nota Il percorso del file specificato nel messaggio può variare in base al sistema operativo installato sul computer.

Inoltre, potrebbero continuare a essere visualizzati messaggi di errore di sincronizzazione anche quando le cartelle contenute nel file ost possono essere regolarmente aperte. Ciò accade quando è presente un singolo messaggio di posta elettronica danneggiato che il processo di sincronizzazione non è in grado di correggere. Per correggere i messaggi danneggiati o spostarli al fine di non ostacolare il processo di sincronizzazione, è possibile avvalersi dello strumento Controllo di integrità OST.

 

Importante Qualora il Controllo di integrità OST non fosse in grado di aprire il file ost, potrebbe essere necessario eseguire il programma scanpst.exe (vedere la prima delle procedure descritte sopra).

 

Per ripristinareun file OST:

 

    • Chiudere Outlook.
    • Scegliere Esegui dal menu di avvio.
    • Nella casella Apri digitare

      unità:\Programmi\File comuni\System\Mapi\IDlocale\scanost.exe

      in cui IDlocale rappresenta l'identificatore locale (LCID) dell'installazione corrente di Microsoft Office. Ad esempio, l'identificatore locale (LCID) per la lingua italiana è 1040. Per l'elenco completo degli LCID, consultare la Guida in linea di Microsoft Office.

    • Scegliere OK.
    • Fare clic su Analizza tutte le cartelle oppure su Scegliere la cartella da analizzare. Se si seleziona Analizza tutte le cartelle, l'operazione potrebbe richiedere alcuni minuti.
    • Selezionare la casella di controllo Correggi errori.
    • Fare clic su Avvia analisi.

Informazioni dettagliate sulle azioni eseguite durante l'analisi e il ripristino del file sono salvate nella cartella Posta eliminata di Outlook in forma di messaggio con oggetto "Controllo di integrità OST".

Se il file delle cartelle fuori rete non può essere ripristinato, disattivarlo e crearne uno nuovo.

Per eseguire tale operazione occorrerà:

  • Scegliere Account di posta elettronica dal menu Strumenti, quindi Visualizza o cambia gli account di posta elettronica esistenti e fare clic sul pulsante Avanti.
  • Nell'elenco visualizzato fare clic su Server di Microsoft Exchange, quindi su Cambia.
  • Scegliere Altre impostazioni.
  • Fare clic sulla scheda Avanzate quindi su Impostazioni file cartelle fuori rete.
  • Scegliere Disattiva uso fuori rete.
  • Nella casella File digitare il percorso del file che si desidera utilizzare come nuovo file ost. Il nome predefinito per questo file è outlook.ost. Se il nome del file esiste già, verrà richiesto di digitare un nuovo nome.