Questo sito utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci (Google AdSense), fornire le funzioni dei social media (condivisione degli articoli) e analizzare il traffico (Google Analytics). Inoltre fornisce informazioni sul modo in cui utilizzi il sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media miei partner (Google). Il proseguimento nella navigazione implica un tacito assenso all'utilizzo dei cookies. Se non sei d'accordo sull'utilizzo, ti invito ad allontanarti da questo sito. Visualizza i dettagli.

Sabato 3 Dicembre 2016

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Il bello dei filesystem unix/linux, oltre alla velocità ed alla stabilità, è la robustezza. Se si spegne accidentalmente il pc al massimo sarà un po' lento al successivo riavvio per il controllo dei dischi. Ma capita a volte che il pc non riparta...

 

Kubuntu si sta spegnendo nella vm.
 
La faccenda è lenta.
 
Ho appena caricato tanti aggiornamenti...

Mi sembra inchiodato e lo spengo.

Ed al riavvio, una bella sorpresa!
Il filesystem è "dirty" e non posso usarlo.

Le istruzioni mi dicono di eseguire fsck in modalità rebuild-tree.

Però il filesystem è reiserfs, quindi nella scarna shell che mi ha caricato il sistema eseguo:

reiserfsck --rebuild-tree /dev/hda5

(n.b. sostituite /dev/hda1 , /dev/sda1 o qualunque sia la partizione ove avete montato il filesystem)

Alla fine della (veloce) operazione - uno dei tanti vanti e vantaggi di reiserfs - CTRL-D ed ecco che il mio bellissimo Kubuntu torna magicamente a partire!