Questo sito utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci (Google AdSense), fornire le funzioni dei social media (condivisione degli articoli) e analizzare il traffico (Google Analytics). Inoltre fornisce informazioni sul modo in cui utilizzi il sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media miei partner (Google). Il proseguimento nella navigazione implica un tacito assenso all'utilizzo dei cookies. Se non sei d'accordo sull'utilizzo, ti invito ad allontanarti da questo sito. Visualizza i dettagli.

Sabato 3 Dicembre 2016

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Mi è capitato di far girare Ubuntu o Xubuntu su un vecchio portatile Pentium M.

Alla partenza da cd ricevo questo errore: "pae is disabled on this pentium m" e il live cd si ferma.

Vediamo come risolvere.

 

Per prima cosa occorre capire cosa è PAE.

PAE o Physical Address Extension (Estensione dell'indirizzo fisico) è una caratteristica di alcuni processori che permette di usare più di 4 gigabyte di memoria fisica nei sistemi a 32bit.

Anche se la macchina che sto usando arriva a malapena a 512Mb, Linux pretende che il servizio sia attivo.

Per attivarlo premiamo il tasto TAB quando il pc inizia a far partire il sistema operativo.

Nella schermata di selezione che appare, dove ci viene chiesto cosa vogliamo fare, se provare Ubuntu o installarlo, evidenziamo l'opzione che ci interessa e premiamo F6.

Si aprirà un menù contestuale, premiamo ESC per chiuderlo.

In questo modo abbiamo fatto apparire una riga di comando in fondo allo schermo.

In questa riga possiamo leggere con quali opzioni parte il kernel.

La riga termina con "--".

Inseriamo "forcepae" dopo il "--" e premiamo invio.

A questo punto il live cd o l'installazione di ubuntu partirà regolarmente!