Questo sito utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci (Google AdSense), fornire le funzioni dei social media (condivisione degli articoli) e analizzare il traffico (Google Analytics). Inoltre fornisce informazioni sul modo in cui utilizzi il sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media miei partner (Google). Il proseguimento nella navigazione implica un tacito assenso all'utilizzo dei cookies. Se non sei d'accordo sull'utilizzo, ti invito ad allontanarti da questo sito. Visualizza i dettagli.

Domenica 4 Dicembre 2016

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Vediamo come collegarci ad una directory condivisa in NFS e come farlo automaticamente al boot del computer.

Sui sistemi Unix e UnixLike abbiamo più modi di lavorare in rete, a seconda del servizio che stiamo utilizzando per condividere le risorse. Vediamo come usare il servizio nativo per la condivisione delle risorse, l'NFS.

Se il computer nome_mio_computer volesse accedere ad una condivisione NFS del computer nome_server_nfs con indirizzo ip 192.168.19.10 dovremmo, per prima cosa, accertarci che i due computer siano correttamente configurati e raggingibili in rete, presupposti questi, indispensabili affinchè possa avvenire una connessione.

Il sistema più semplice per far ciò consiste nell'eseguire un ping. Se la sezione networking è correttamente configurata il massimo che dovremo fare per la corretta comunicazione trai due computer è inserire il record con i dati relativi al nome computer ed indirizzo ip nel file HOSTS. Se ci dovessero essere problemi sulla comunicazione trai due computer fate riferimento al manuale del sistema operativo per cercar di risolverli.

  • Editiamo il file HOSTS

vi /etc/hosts

otterremo un qualcosa di simile

127.0.0.1 nome_mio_computer.miodominio.est nomecomputer localhost

andiamo ad aggiungere la nuova occorrenza

192.168.1.10 nome_server_nfs.miodominio.est nome_server_nfs

  • Eseguiamo il browsing delle condivisioni NFS del server

dalla shell digitiamo il comando

showmount -e nome_server_nfs

otterremo un output simile al seguente

Export list for nome_server_nfs:
/Path/Directory/Condivisa (everyone)

il comando showmount mostra le informazioni di mount di un server NFS, l'opzione -e mostra la lista degli export NFS del server.

  • Eseguiamo il mount

a questo punto non ci resta che eseguire il mount del filesystem sulla directory desiderata. Montiamo ad esempio la share sulla directory /mnt/SHARE.

mount -t nfs nome_server_nfs:/Path/Directory/Condivisa /mnt/SHARE

la share è ora pronta per l'utilizzo.

  • Eseguiamo il Mount Automatico

Al prossimo riavvio del computer dovremo ripetere il mount della share se vogliamo continuare a lavorare con i file in essa contenuti. Per evitare di eseguire il mount tutte le volte potremmo eseguirlo automaticamente all'avvio del computer editando il file fstab. Il file fstab contiene le informazioni descrittive sui vari file system che il computer deve montare. Ogni puntamento a file system è inserito in un record nel file, ed ogni riga rappresenta un record. Occorre prestare molta atenzione durante la manipolazione di questo file.

editiamo il file fstab dalla shell

vi /etc/fstab

ed aggiungiamo la riga

nome_server_nfs:/Path/Directory/Condivisa /mnt/SHARE nfs auto 0 0

come appare evidente a riga aggiunta ha la stessa sintassi del comando mount con qualche opzione in più riguardante le caratteristiche della condivisione, come le opzioni di mount associate al filesystem, che abbiamo impostato su auto, la priorità di mount e lapossibilità di aggiungere il filesystem alla lista dei file system gestiti da dump. Per maggiori informazioni sulle opzioni nel file ftstab rimando all'help in linea del vostro sistema operativo.