Questo sito utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci (Google AdSense), fornire le funzioni dei social media (condivisione degli articoli) e analizzare il traffico (Google Analytics). Inoltre fornisce informazioni sul modo in cui utilizzi il sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media miei partner (Google). Il proseguimento nella navigazione implica un tacito assenso all'utilizzo dei cookies. Se non sei d'accordo sull'utilizzo, ti invito ad allontanarti da questo sito. Visualizza i dettagli.

Sabato 3 Dicembre 2016

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
waterfire.jpg Durante i lavori di un generatore di onde radio per il trattamento del cancro, l'inventore statunitense John Kanzius ha fatto una scoperta piuttosto "scioccante".
 
 
 
 
 
Mentre tentava di desalinizzare l'acqua di mare usando le radiofrequenze, ha notato dei flash emessi dall'acqua che stava trattando. Dopo alcune prove è riuscito ad ottenere la combustione dell'acqua di mare in una buretta, proprio come se fosse una candela.

La scoperta ha suscitato l'interesse dalla Comunità scientifica, principalmente interessata a scoprire se se l'acqua di mare può essere usata come combustibile.
 
 

Studi effettuati successivamente da un chimico dell'università della Pensilvania, il dottor Rustum Roy, hanno dimostrato che il bombardamento di onde radio a cui è sottoposta l'acqua marina ne indebolisce i legami molecolari tra l'acqua ed il sale che la compongono, liberando così idrogeno che a sua volta brucia se esposto al campo di radiofrequenze.
Rimane ora da stabilire l'efficienza dell'energia prodotta dalla combustione dell'acqua marina, che brucia ad una temperatura tale da sciogliere le burette, e stabilirne i possibili futuri impieghi.
Commentando la scoperta di Kanzius, il dr. Rustum ha evidenziato che "Questo (l'acqua marina) è l'elemento più abbondante nel mondo. È dappertutto, e" (senza facile ironia), "vederla bruciare mi dà i brividi.".
Di seguito riporto il servizio andato in onda sul canale HD3
 
l'intervista su Youtube