Venerdì 9 Dicembre 2016

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Gli incidenti capitano.

Accade più spesso di quanto si possa credere, ma tanti versano accidentalmente i più disparati tipi di liquidi sui loro computer. Spesso si tratta di sostanze zuccherine,come la cola o caffè, ancora più spesso si tratta di comune acqua. A volte si viene sorpresi da un temporale mentre siamo per strada, a volte si lascia il portatile sotto infiltrazioni di acqua, o sotto un tetto che perde, o ci si rovescia sopra il bicchiere con illiquido che stiamo bevendo. Qualunque sia l'incidente, il risultato è lo stesso, l'acqua è nel notebook e pensiamo che questo sia ormai rotto e che tutti i dati siano perduti.

 

 

Non è tutto perduto.

Nel malaugurato caso di una doccia accidentale del nostro notebook l'importante è non perdere la testa ed agire rapidamente.

In primo luogo, scollegare tutte le alimentazioni che sono collegate, sia il carica batterie chela batteria stessa, ed asciugarli con cura. Non bisogna perdere tempo tentando di salvare i file e chiudere le applicazioni aperte, nemmeno se così facendo si perde un lavoro di parecchie ore non salvato in precedenza, occorre evitare cortocircuiti quindi bisogna agire velocemente. Rimuovere tutti i residui di liquido dal portatile,occorre togliere tutto il liquido visibile direttamente accessibili.Per far ciò occorre usare un asciugamano, un canovaccio da cucina,tovaglioli di carta o comunque tutto ciò che assorbe molta acqua e che non lascia residui di materiale. Se l'acqua è entrata nella tastiera, una volta tamponato con il materiale assorbente occorre capovolgere il portatile per far gocciare eventuali accumuli di acqua nell'incavo della tastiera.

Evitate di scuotere il portatile per far fuoriuscire l'acqua, si rischia di ottenere l'effetto contrario. L'operazione successiva consiste nello smontare il portatile per poter asciugare singolarmente ogni componente. Per un utente medio questa è una operazione sicuramente impraticabile, pergli appassionati di fai da te può essere svolta con relativa semplicità. Se il liquido caduto è acqua possiamo anche evitare di aprire il computer se non siamo utenti esperti ma se il liquido caduto è una sostanza zuccherina non abbiamo altra scelta, dobbiamo rimuoverla.

In ogni caso occorre evitare di cedere alla tentazione di usare un asciugacapelli per asciugare il notebook. Si potrebbe danneggiare più con il calore che con l'involontario bagnetto.L'ideale è usare aria sotto pressione, come ad esempio le bombolette di aria compressa. Tenete presente che i danni provocati dall'acqua non sono dovuti all'immersione dell'apparecchiatura elettronica nel liquido, ma solo alla capacità dell'acqua di condurre elettricità e quindi di provocare cortocircuiti.

Possiamo quindi attendere pazientemente che tutta l'acqua ancora contenuta all'interno del notebook evapori naturalmente. Alcune acque minerali in bottiglia contengono sali disciolti che potrebbero rimanere come residuo una volta evaporata l'acqua. E' importante avere pazienza e non perdere la speranza.

Occorre mettere il portatile in un ambiente caldo, possibilmente vicino ad un radiatore, facilitando così l'evaporazione. Si può provare a alimentare il notebook non prima di dodici ore dopo averlo completamente asciugato, per provare se funziona correttamente.

Se tutta l'acqua che è stata rimossa e non si sono depositate formazioni saline su punti vitali, dovrebbe funzionare. Probabilmente alcuni tasti della tastiera potrebbero funzionare male, in questo caso si può provare a pulire i contatti con uno spray apposito acquistabile in un negozio che vende componenti elettronici, ma anche questa è un'operazione sconsigliata agli inesperti.

 

Written by Andy G
http://www.bravofiles.com/ Drivers and software updates